SCEGLIERE UNA CASA IN LEGNO

Rina Agostino

Architetto, si occupa di Bioedilizia, Bioclimatica ed Efficientamento Energetico degli edifici. Esercita la libera professione principalmente in provincia di Varese e Novara.

Perché e come scegliere una casa in legno?

Per scegliere una casa in legno bisogna prima di tutto non partire dal prezzo (cosa che invece fa il 90% delle persone). Perché partire dal prezzo significa essersi fatti un’idea sbagliata di cosa sia una casa in legno. Ho messo in evidenza la parola CASA perché è li che dovrebbe concentrarsi l’attenzione.

Purtroppo l’aggettivo “prefabbricata” ha portato i non addetti ai lavori ad assimilarla alla casetta degli attrezzi, piuttosto che al bungalow, quando va bene alle casette di emergenza per i terremotati. Portandosi dietro l’idea sbagliata che basti appoggiarle sull’orto di casa e che costino una manciata di euro…

E invece no. La casa in legno è una casa a tutti gli effetti, anzi di più! È LA casa: per comfort, sostenibilità ambientale e risparmio energetico.

Il prezzo? Perché dovrebbe costare meno di una casa in mattoni? Forse perché viene costruita in tre mesi? Non devo dirvelo io che le pareti prima di arrivare in cantiere belle e pronte per essere montate sono state costruite da qualche altra parte 😉 . Sono state anche progettate minuziosamente in ogni piccolo dettaglio, cosa che evita tra l’altro errori di cantiere, con conseguente lievitazione di tempi e prezzi, piuttosto comune durante il processo di costruzione di una casa in muratura. La rapida realizzazione per altro costituisce un bel risparmio, se per esempio nel frattempo state pagando un affitto.

È forse più fragile? (…ma allora perché dovreste volere una casa più fragile, seppur a prezzo inferiore?). Provate a prendere a martellate una parete costruita in legno con tecnologia X-lam e una parete in mattoni forati da 20 cm (perché è così che si fanno le pareti in muratura). Scommettiamo che fate molto prima a fare un buco nel mattone?

È meno resistente al fuoco? (…e però se le pagaste meno sareste disposti a trascurare questo dettaglio?). Anche questo è un luogo comune. In realtà una struttura in legno resiste più a lungo di una struttura in acciaio, si comporta in un altro modo, lasciando il tempo di allontanarsi dall’incendio. Il ferro invece “collassa” inaspettatamente, senza dare via di scampo.

Crolla più facilmente? (…e però se costasse poco…). Niente di più sbagliato! Il legno essendo elastico e flessibile ammortizza meglio eventuali scosse di terremoto e cedimenti di terreno. Il cemento armato per la sua rigidità resiste fino a un certo punto, oltre il quale si spezza letteralmente.

La sua durata nel tempo è inferiore al mattone? L’Europa centro-settentrionale è piena di case in legno costruite nel XVI secolo! E sono ancora in ottimo stato e tutt’ora abitate.

Il suo valore si svaluta nel tempo? Ormai da qualche anno le case vengono valutate, per fortuna, anche dal punto di vista energetico, proprio come gli elettrodomestici. La casa in legno dal punto di vista del fabbisogno energetico risulta imbattibile, per merito dell’elevato isolamento termico e dell’assenza di ponti termici. Questo non solo riduce drasticamente i costi per il riscaldamento (questione da non sottovalutare quando si paragonano i prezzi), ma posiziona questo tipo di casa al top. Comprereste ora un frigorifero che non fosse in classe A+++?

Perché dovrei scegliere una casa in legno? Prima di tutto perché tra qualche anno non avrai alternative. L’insostenibilità del cemento è arrivata al suo limite e se possibile lo ha anche superato. L’impatto ambientale di una casa, come di qualunque altro prodotto, deve essere valutato durante tutto il suo ciclo di vita, dall’estrazione dei materiali, alla lavorazione, al trasporto, alla non riciclabilità, alla demolizione. Per non parlare dei consumi energetici e della salute di chi abita ma anche di chi lavora nell’edilizia.

Esiste un’altra valida alternativa? Sì, e si chiama RISTRUTTURAZIONE dell’esistente.

 

nella foto: Back Country House / LTD Architectural Design Studio

Se ti è piaciuto condividiShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *