ARIA DI CASA…

Rina Agostino

Architetto, si occupa di Bioedilizia, Bioclimatica ed Efficientamento Energetico degli edifici. Esercita la libera professione principalmente in provincia di Varese e Novara.

Forse non tutti sanno che l’aria in casa è più inquinata di quella esterna…proprio così! 😥

Altro che aria viziata! Negli edifici possono accumularsi concentrazioni di composti tossici anche 200-500 volte superiori a quelle esterne (fonte: Environmental Protection Agency).

Ma quali sono queste sostanze? Eccone alcune:

Deodoranti. Sono sostanze chimiche che oltre a mascherare i cattivi odori, rivestono le mucose nasali con una pellicola oleosa che rende insensibili i nervi olfattivi.

Spray. Ancora utilizzati in molti prodotti come lacche per capelli o insetticidi, nebulizzano il prodotto (già nocivo) che viene così inalato profondamente.

Prodotti per la pulizia. Molti prodotti contengono formaldeide, PVC, acrilici, polietilene, polistirene e poliuretano.

Impianti elettrici. I radiatori elettrici, teoricamente i meno inquinanti, in realtà tendono a seccare l’aria provocando tosse e mal di gola.

Impianti a gas. Caldaie e stufe a gas, ma anche i semplici fornelli da cucina, emettono monossido di carbonio,  diossido di azoto e altre sostanze nocive prodotte dalla combustione.

Camini a legna. Molto romantici…ma il fuoco vivo in un ambiente chiuso può diffondere benzopirene.

Umidità. Soprattutto in bagno e in cucina, e in qualunque luogo stendiamo i panni ad asciugare…l’umidità tende a formare muffe e batteri.

Tinteggiature. Pareti dipinte con colori di sintesi, vernici, solventi.

Moquette. Solitamente sintetiche, sono incollate con colle tossiche, inoltre accumulano polvere, sporco, acari, batteri e chi più ne ha più ne metta.

Mobili. Contengono nella stragrande maggioranza dei casi formaldeide, colle, resine…

Fumo di sigaretta. No comment.

E allora, che fare???

I rimedi nel prossimo articolo… 😉 …adesso vado ad aprire un po’ le finestre!

 

Se ti è piaciuto condividiShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *